Sopravvissuti

I primi vent’anni con lei li ho passati senza sapere che fosse una sopravvissuta, lo aveva rimosso. Perché quando subisci qualcosa di orribile, che ti uccide dentro, l’unica difesa è cancellare tutto, dimenticare e andare avanti. Ma qualcosa rimane sempre e, quando riaffiora, torni a morire.

È successo. Otto anni fa è tornato tutto e, per sopravvivere, lo ha raccontato a me. E io ho iniziato a morire dentro.

Ogni notte un incubo, ognuno dei quali restituiva un po’ di vita a lei e ne toglieva un pezzetto a me. Perché io ero lì, accanto a lei, ed era come rivivere quel maledetto giorno al posto suo. Ogni notte, per mesi. Mentre lei tornava a dimenticare, io mi logoravo al pensiero di quello che le era accaduto, oltre che soffrire per ciò che faceva ogni giorno pur di raggiungere il suo obiettivo. Perché l’istinto di sopravvivenza è egoista: “Mors tua vita mea”.

Alla fine lei è sopravvissuta al suo dramma per la seconda volta, io ai suoi incubi, per la prima. E vorrei dire che ormai tutto è finito, ma mentirei. La vita va avanti e, per carità, non mi lamento, ma prosegue da sopravvissuti che, ogni tanto, rischiano di morire, ancora, salvo poi “sopravvivere” nuovamente.

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s